Donor and recipient selection in living donor kidney transplantation: eligibility

Abstract

This review is intended to be a guide for the physician to evaluate and prepare a donor / recipient couple for living kidney transplantation. Although it is intended to be exhaustive, it will not be able to respond at all possible and different cases, but it may apply at most of them. Renal transplantation is considered the choice treatment for patients with chronic renal failure and if the kidney transplant is performed pre-emptive it is associated with better organ and patient survival. The main aim of the program is to evaluate the risks of donor and recipient and to ensure the donor safety and well-being. Eligibility for living transplant can only be granted when the risks are acceptable, well defined and the couple is adequately informed. The review includes clinical and legal procedures needed to transplantation. Early conditions that contraindicate the transplant must be removed, to avoid unnecessary exams, excessive waste of time, money. The sequence of the exams has been ordered so that costly and invasive surveys are carried out only after other simple and essential investigations have confirmed the transplant suitability. Special attention should be paid to the renal function measurement, proteinuria, hematuria, hypertension, obesity, pre diabetes, renal calculus, and cancers. To give eligibility for living transplant is often not easy, but a careful study can avoid many complications and improve the transplant outcome.

KEYWORDS: living donor kidney transplantation, donation exclusion criteria, donor and recipient selection

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

INTRODUZIONE

Il trapianto di rene è il trattamento di scelta per il paziente affetto da insufficienza renale cronica terminale poiché sostituisce integralmente la funzione renale, migliorando la sopravvivenza rispetto alla dialisi (1). Sono numerose, infatti, le evidenze che dimostrano che il tempo di attesa trascorso in lista aumenta la mortalità del paziente rispetto al trapianto (2, 3) e che il trapianto pre-emptive si associa ad una migliore sopravvivenza, sia dell’organo che del paziente (4). Se dal punto di vista teorico il trapianto pre-emptive è la migliore strategia terapeutica (5), nella pratica questo si scontra con la scarsa disponibilità di organi.

Sono attivi in tutto il mondo programmi per espandere il pool di donatori e tra questi, in molti paesi, il trapianto da donatore vivente rappresenta la principale modalità (6).

Il trapianto da donatore vivente offre indiscussi vantaggi: può evitare l’inizio della dialisi, riduce o azzera il tempo di attesa per l’organo, è effettuato in elezione, consente una rapida ripresa della funzione renale abbreviando i giorni di degenza, migliora l’outcome a breve e lungo termine grazie a ischemia fredda breve e migliore qualità dell’organo donato che proviene da un soggetto sano e vivente. Nei casi di consanguineità la compatibilità è migliore (7).

 

La visualizzazione dell’intero documento è riservata a Soci attivi, devi essere registrato e aver eseguito la Login con utente e password.