Maggio Giugno 2022 - Case reports

Staphylococcus-associated glomerulonephritis without IgA deposits: a case report

Abstract

Staphylococcus-associated glomerulonephritis (SAGN) represents a possible version of parainfectious glomerulonephritis and is a pathological entity that’s now constantly increasing in developed countries. It is known how bacterial infections can be a possible trigger for various type of glomerulonephritis with clinical onset and evolution comparable to the ones observed in parainfectious glomerulonephritis. Furthermore, in clinical practice the identification and isolation of the pathogenic microorganism responsible for the development of parainfectious glomerulonephritis is not always possible. Therefore, in those cases in which SAGN is suspected, it is often necessary to recur to kidney biopsy in order to come to as much as possible correct diagnosis. Historically, according to scientific literature, the most distinctive anatomopathological feature of SAGN is represented by predominant or codominant mesangial IgA deposits, sometimes associated with C3 deposits. These findings make the differential diagnosis between SAGN and IgA nephropathy often necessary. However, many reports describe how SAGN can also be characterized by a varying spectrum of immunological deposits. In some cases, for example, IgA deposits can be absent and in some other cases it is described a net dominance of C3 deposits. In this case, it becomes extremely important to exclude a possible occurrence of C3 glomerulopathy (C3GN), considering how different are the therapeutic approach and the prognostic implications associated to it. However, the differential diagnosis between SAGN and C3GN can be very hard.

Here’s a case report about a patient who has been hospitalized into our Unit after developing a form of Staphylococcus Aureus associated glomerulonephritis which presented atypical anatomopathological features.

Keywords: staphylococcus-associated glomerulonephritis, C3GN, differential diagnosis, histopathology features.

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Introduzione 

Fino allo scorso secolo il prototipo di glomerulonefrite (GN) associata ad infezione batterica era rappresentato dalla glomerulonefrite acuta “post-streptococcica”, caratterizzata dalla comparsa di sindrome nefritica dopo completa risoluzione di un’infezione streptococcica in pazienti prevalentemente in età pediatrica. Questo tipo di glomerulonefrite, ad oggi, continua ad essere altamente diffusa nei Paesi in via di sviluppo, mentre nei Paesi occidentali negli ultimi decenni si è assistito ad un aumento delle glomerulonefriti cosiddette “parainfettive”; esse risultano caratterizzate da un esordio clinico che avviene durante la fase attiva di infezione da parte di un più ampio spettro di patogeni. Il termine di glomerulonefrite post-infettiva viene pertanto riservato a casi insorti dopo un periodo di latenza dalla completa risoluzione dell’infezione, e la forma post-streptococcica sembra essere ad oggi l’unica entità che rientri in questa denominazione [1]. Il patogeno più frequentemente responsabile di glomerulonefrite parainfettiva nell’adulto e nel paziente anziano è rappresentato dallo stafilococco aureo, prevalentemente ceppi meticillino-resistenti (MRSA). Le manifestazioni renali insorgono quando l’infezione scatenante è ancora in fase di piena attività e sono costituite nella maggior parte dei casi da sindrome nefritica, con insufficienza renale acuta associata ad anomalie urinarie con microematuria (raramente macroematuria) e/o proteinuria, talora anche in range nefrosico; agli esami di laboratorio è inoltre frequente il riscontro di ipocomplementemia (C3 con o senza riduzione del C4) che tende a normalizzarsi dopo circa 2 mesi dall’esordio, tranne nei casi di infezione persistente [2].

 

La visualizzazione dell’intero documento è riservata a Soci attivi, devi essere registrato e aver eseguito la Login con utente e password.