Gennaio Febbraio 2021

“New humanism” in nephrology

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Il COVID-19 ci ha colti impreparati, determinando drammatiche conseguenze sociali, economiche e politiche. All’improvviso cambiamento può seguire la guarigione o un peggioramento. La crisi determinata dalla pandemia ha messo in evidenza anche i buchi neri delle organizzazioni, che richiedono decisioni incisive e un nuovo assetto. È il momento di fare analisi accurate, tagliare rami secchi per vivificare quanto c’è di buono. La crisi è un evento straordinario, che irrompe in una comunità frantumandone gli equilibri e facendone precipitare i meccanismi di funzionamento, anche per la Nefrologia è tempo di tirare le somme. Un vincolo temporale stringente, chiede di agire subito, richiede scelte e decisioni. Nonostante l’Italia fosse nel 2017, tra le 17 nazioni esaminate, quella con il numero più alto di Nefrologi rispetto alla popolazione (53/pmp) [1], il divario nella work-force determinato tra le uscite per pensionamento e i nuovi ingressi [2], allo scoppiare della pandemia si è fatto pesantemente sentire, tanto da dover innestare nel Sistema Sanitario Nazionale giovani che non hanno ancora concluso la propria formazione specialistica.

 

La visualizzazione dell’intero documento è riservata a Soci attivi, devi essere registrato e aver eseguito la Login con utente e password.