Anxiety and depression in emodialysis

Abstract

The patients in terminal uremia show anxiety and depression correlate with anagraphic and dialytic age, here evidenced trought  the Hospital Anxiety and Depression Scale (HADS).

In a cohort of 120 patients, only 100 have been selected, because of incompatibility (11.6%) or  refusal (5%). The pool composed of 100 patients (59 men, 41 women; mean age of 70.8±12.07 years; 30% mean age of 74.27±3.12 and  mean time on dialysis of 55.03±70.12 months, was treated with Bicarbonate High Flux, Hemodialysis Filtration (HDF), Hemofiltration Replacement (HFR), Acetate Free Hemofiltration (AFB),  in Ultrapure, 40% in dialysis <24 months.

Analyzing the data, the 58% (25% men, 33% women) presented  level of anxiety and depression of IV° Likert,  versus 16.6% of the general population.

The correlation of variables indicates that among the patients under HD, the increase of anagraphyc age correlates with an increase at IV° of anxiety and depression, seen in 36% of patients with a mean age of 78.61± 5.95 (19% men, 17% women) and in 22% of patients with a mean age of 59.22± 8.43 (7% men, 15% women).

Considering the dialytic time, the IV° itself correlates with patients under treatment <2 years, regardless for  age. In fact 22% of these patients (8% man, 14% women – mean age of 69.31± 8.40) present a level of anxiety and depression worst than the population in longer treatment (87.36± 16.36 months), who instead represent 10% of the sample (3% men, 7% women -mean age 72.2± 11.24). This data can be read as a psychosomatic adaptation, but anymore  as a consequence of the improvement of cenesthesy due to a personalized haemodialysis.

 

Keywords: anxiety, depression, time of dialysis.

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Premessa. Il presente lavoro effettuato su una coorte di 100 pazienti in trattamento emodialitico presso l’U.O.C. di Nefrologia e Dialisi del P.O. di Milazzo, l’U.O.S. di Nefrologia e Dialisi del P.O. di Patti e il C.A.D.- C.sat (Centro ad Assistenza Decentrata- Centro Satellite) di Nefrologia e Dialisi del P.O. di Barcellona, ha per oggetto la misurazione dei livelli di ansia e depressione in correlazione ad età anagrafica ed età dialitica. Il pool oggetto di studio è costituito da 59 uomini e 41 donne, di età media 70,8±12,07 anni ed età dialitica media pari a 55,03±70,12 mesi, in trattamento sostitutivo ultrapuro ad alta biocompatibilità in bicarbonato, High Flux, Hemodialysis Filtration(HDF), Hemofiltration Replacement (HFR), Acetate Free Hemofiltration,(AFB) in Ultrapuro. Tali dati sono sovrapponibili a quelli indicati dal Registro Italiano Dialisi 2013 che riportano un’età media di 68,7 anni e un’età dialitica media di 5,2 anni (1).

 

Introduzione

La specifica condizione clinica che vive il paziente con IRC in fase terminale incide sul suo funzionamento biopsicosociale, poiché ne altera i ritmi di vita, sconvolgendo le risorse personali, i legami affettivi e i progetti per il futuro (2)(3)(4)(5). Ciò richiede un complesso processo di adattamento psicologico, valutabile attraverso la manifestazione di due importanti espressioni dell’affettività quali ansia e depressione (6) (7). Uno studio condotto su un gruppo di emodializzati italiani (8) ha mostrato che tali reazioni emotive sono presenti nel 55% dei pazienti esaminati ed hanno nell’87% dei casi un’insorgenza precoce (nei primi 6 mesi) mentre solo nel 12,5% un’insorgenza tardiva. Altri studi hanno invece indicato come il vissuto psicologico caratteristico e specifico degli emodializzati sia diverso da quello sperimentato dai malati affetti da altre patologie, sottolineando soprattutto che anche dopo vent’anni di trattamento il vissuto dei primi si mantenga stabile (9) (10). 

La visualizzazione dell’intero documento è riservata a Soci attivi, devi essere registrato e aver eseguito la Login con utente e password.