Novembre Dicembre 2021

La nefrologia italiana ed i suoi cultori tra le due Guerre Mondiali

Abstract

La prima guerra mondiale segnò una svolta per la medicina nel mondo che fu alla base  delle molte importanti innovazioni cui si assistette nei successivi 20 anni. Gli studi nefrologici in Italia facevano parte di questa tendenza generale. In questo lavoro vengono recuperati ed esaminati tutti i lavori relativi alla fisiologia, patologia e terapia renale, prodotti da scienziati italiani negli anni tra le due guerre mondiali. Vengono inoltre individuati gli autori che hanno prodotto più articoli nefrologici e descritta la loro attività. Questa ricerca ha recuperato 638 articoli riguardanti il rene pubblicati da scienziati italiani nel periodo. I temi trattati risultano essere attuali e al livello dei contemporanei stranieri. Tra gli autori emerge un gruppo di giovani scienziati particolarmente dediti allo studio del rene. La maggior parte di questi sarà in futuro tra i fondatori del SIN e leader della nefrologia italiana.

Parole chiave: storia, nefrologia, Italia, scienziati, guerre mondiali

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese Americano. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua alternativa. Puoi cliccare sul link per cambiare la lingua attiva.

Introduction

World War I was a turning point for medicine. Giorgio Cosmacini, doctor and historian of medicine, in his book “War and Medicine” defines war as a “paradoxical” source of progress from a medical point of view [1]. The need to treat a huge number of soldiers wounded and/or suffering from serious and new pathologies forced doctors to seek new, previously unknown, answers to deal with new emergency situations. The results of this research had a tremendous impact on world medicine in the years following the conflict.

The Italian doctors, especially the younger ones, who found themselves serving in war zones also benefited from those experiences and from contacts with colleagues in the allied armies. The clinical and research approach changed, both in terms of timing and methods. Kidney diseases occupied a prominent position among war-related morbidities. For example, since the first months of the conflict, there had been reports of an apparently new type of “nephritis”: the “trench nephritis” or war nephritis.  

La visualizzazione dell’intero documento è riservata a Soci attivi, devi essere registrato e aver eseguito la Login con utente e password.