Maggio Giugno 2022 - In depth review

La chiusura dell’auricola sinistra: un’alternativa agli anticoagulanti cumarinici nella calcifilassi?

Abstract

L’arteriolopatia uremico calcifica (CUA), nota anche come calcifilassi, è una patologia rara potenzialmente fatale che si verifica nel 1-4% della popolazione con insufficienza renale cronica in trattamento dialitico cronico. La patogenesi non è chiara, ma sono stati identificati molteplici fattori di rischio, tra cui uno dei più noti è la terapia con anticoagulanti cumarinici (tAC). In caso di insorgenza della CUA è controindicato il prosieguo della terapia con tAC: la chiusura percutanea dell’auricola sinistra (left atrial appendage occlusion, LAAO), nei pazienti dializzati affetti da fibrillazione atriale non valvolare (FANV), può essere un’alternativa alla tAC che il nefrologo deve considerare e proporre al cardiologo, prediligendo un approccio multidisciplinare, fondamentale per la corretta gestione del paziente emodializzato.

Parole chiave: calcifilassi, warfarin, terapia anticoagulante, left atrial appendage occlusion, malattia renale cronica.

Introduzione

L’arteriolopatia uremica calcifica, nota anche come calcifilassi, è una patologia calcifica vascolare caratterizzata da occlusione dei piccoli vasi del tessuto adiposo sottocutaneo e del derma, e si accompagna ad un elevato tasso di mortalità. Colpisce prevalentemente i pazienti affetti da malattia renale cronica (MRC) terminale in trattamento renale sostitutivo, popolazione già di per sé predisposta all’insorgenza di calcificazioni extra scheletriche.

La CUA si manifesta con ischemia e necrosi cutanea secondaria alla deposizione di calcio nella tonaca media delle arteriole con conseguente fibrosi dell’intima, riduzione del lume vascolare e trombosi del vaso. Il decorso è  caratterizzato da due fasi della malattia, spesso coesistenti: la fase d’esordio, insidiosa, è distinta dalla comparsa di semplice eritema laminare; la seconda fase invece è rapidamente progressiva, con evoluzione ischemica e conseguente necrosi tessutale. Nella maggior parte dei casi, il pattern di distribuzione delle lesioni è di tipo “centrale” (addome e glutei) dove si dispone la maggior parte del tessuto adiposo, alternativamente può avere un pattern “distale” (arti), anche se la malattia teoricamente può colpire qualsiasi distretto corporeo [1, 2, 3].

 

La visualizzazione dell’intero documento è riservata a Soci attivi, devi essere registrato e aver eseguito la Login con utente e password.