Protetto: Sindrome di Alström, rarissima causa di insufficienza renale: case report e review della letteratura

Abstract

Descriviamo il caso di un paziente maschio di anni 26 con pregressa diagnosi di Sindrome di Alström che giunge  alla nostra osservazione per comparsa di stato soporoso, dispnea, tremori e dolore addominale sordo senza segni di irritazione peritoneale. Il paziente presentava ipoacusia neurosensoriale, diminuzione del visus da distrofia corioretinica, difficoltà di deambulazione con scoliosi a doppia curva dorso-lombare, alterazione dell’omeostasi glicemica ed un’importante deterioramento della funzione renale.

La sindrome di Alström è una malattia multisistemica caratterizzata da distrofia dei coni-bastoncelli, perdita dell’udito, obesità, resistenza all’insulina e iperinsulinemia, diabete mellito tipo 2, cardiomiopatia dilatativa (CMD), disfunzione renale ed epatica progressiva. A livello mondiale sono stati individuati circa 450 casi. I segni clinici, l’età di esordio e la gravità possono variare significativamente tra le diverse famiglie e all’interno della stessa famiglia.

È necessario un accurato follow-up nefrologico nei pazienti con ciliopatie sindromiche poiché i problemi renali a lungo termine possono avere un notevole impatto su altre malattie, specie quelle cardiovascolari.

Parole chiave: malattie rare, ciliopatie, insufficienza renale cronica

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Identificazione di una nuova mutazione del gene NPHP1

Abstract

Le malattie cistiche renali rappresentano una causa importante di insufficienza renale cronica terminale, che, in relazione al difetto genetico associato, vengono classificate in malattie del complesso ciliare primitivo e malattie uromodulina-associate. Mutazioni in geni che codificano per proteine del cilio primario sono causa delle ciliopatie che possono interessare anche il rene. Ad oggi sono descritte tre ciliopatie: la forma autosomica dominante e recessiva del rene policistico e la nefronoftisi (NPHP).
La Nefronoftisi familiare giovanile (NPHP) è una malattia tubulo-interstiziale a trasmissione autosomica recessiva di cui si conoscono 3 differenti forme: giovanile, infantile e adolescenziale. La Nefronoftisi giovanile o tipo 1 (NPHP1), è la forma più frequente e la diagnosi è basata principalmente su dati clinici e radiologici. E’ caratterizzata dalla presenza di delezioni in omozigosi del gene NPHP1 nel 20-40% dei casi. Le delezioni in eterozigosi si riscontrano nel 6% dei pazienti, con concomitante mutazione del gene NPHP1 sul secondo allele.
In questo lavoro abbiamo valutato, attraverso screening genetico, pazienti con sospetta diagnosi di NPHP1 appartenenti a 6 famiglie. Abbiamo osservato in 2/6 pazienti la delezione degli esoni 5-7-20 ed in 4/6 la delezione in eterozigosi dell’esone 20 ed una nuova delezione in eterozigosi dell’esone 17 non ancora descritta in letteratura.
I dati ottenuti suggeriscono che lo screening genetico dovrebbe rientrare nell’iter diagnostico dei pazienti con sospetta nefronoftisi e che questo potrebbe essere utilizzato a scopo diagnostico come alternativa alla biopsia renale.

Parole chiave: Nefronoftisi, gene NPH1; ciliopatie

INTRODUZIONE

Le malattie cistiche renali sono patologie ereditarie e rappresentano una causa importante di insufficienza renale cronica terminale (1). In base alle modalità di trasmissione, la classificazione tradizionale suddivideva le patologie cistiche renali in autosomiche dominanti, autosomiche recessive e X-linked. Oggi, l’identificazione dei geni responsabili di queste malattie e lo studio del loro prodotto proteico, hanno permesso di far luce sui meccanismi patogenetici che sono alla base della formazione delle cisti e di riclassificare le suddette malattie in relazione al difetto genetico associato in: malattie del complesso ciliare primitivo e malattie uromodulina-associate (1 , 2). 

La visualizzazione dell’intero documento è riservata a Soci attivi, devi essere registrato e aver eseguito la Login con utente e password.