Protetto: Percorsi pratici per intraprendere un programma di dialisi monosettimanale integrato da una nutrizione ipoproteica personalizzata (CDDP)

Abstract

Lo scopo di questa pubblicazione è pragmatico e pertanto finalizzato ad illustrare in dettaglio ai colleghi Nefrologi la metodologia utilizzata nel Programma Combinato Dietetico Dialitico (CDDP) in pazienti selezionati utilizzando le formule inerenti la cinetica dell’azoto ureico (Urea Nitrogen Appearance, UNA) che consente di verificare la sostenibilità e la collaborazione dei pazienti a cui è stata prescritta una dieta ipoproteica di 0,6 g/Kg/die tramite il Protein Catabolic Rate valido nei pazienti con stato metabolico stabilizzato. Si conferma inoltre che l’azione combinata della nutrizione e la riduzione del contatto ematico con i materiali bio-incompatibili dell’emodialisi possa consentire un prolungamento della funzione renale residua ed una maggiore escrezione di tossine uremiche legate alle proteine (Protein Bound Uremic Toxins, PBUT) ed ottenere un bilancio in pareggio dei fosfati grazie ad una buona e conservata fosfaturia. In questo documento sono quindi descritti in dettaglio tutti i passaggi e i calcoli necessari. Per l’applicazione di questa procedura si chiede ai Nefrologi un maggiore impegno clinico per applicare con successo un protocollo terapeutico personalizzato come la CDDP che, a nostro parere, può essere facilmente applicabile nella pratica clinica quotidiana.

Parole chiave: Programma Combinato Dietetico Dialitico, dialisi monosettimanale, dieta ipoproteica

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Share

Protetto: EMODIALISI INFREQUENTE E INCREMENTALE: DIFFERENZE E DEFINIZIONI

Abstract

Lo scopo di questa revisione della letteratura è quello di dare dignità nosologica al termine di “Dialisi Incrementale”, che non può essere confusa con il termine e le scelte terapeutiche definite come “Dialisi Infrequente”.

Per Dialisi Infrequente si intendono tutte le scelte terapeutiche con ritmi settimanali inferiori ai tre trattamenti emodialitici. Ciononostante anche la dialisi infrequente è una scelta di terapia emodialitica sostitutiva non scevra da particolari attenzioni cliniche e monitoraggio dello stato nutrizionale ed anch’essa dovrebbe essere accompagnata da una nutrizione controllata lievemente ipoproteica.

Quando si parla di dialisi incrementale (CDDP) si definisce un ben definito programma terapeutico che richiede un’importante attenzione clinica. La CDDP inizia dall’ambulatorio pre-dialisi nel breve periodo di tempo nel quale il paziente passa, dopo una severa valutazione di idoneità della compliance nutrizionale e con un VFG di 5-10 mL/min/1.73mq, dal trattamento conservativo ad una dieta ipoproteica da 0.6g/Kg/die con o senza aminoacidi essenziali e dieta iposalina integrata da una dialisi monosettimanale. Il programma di dialisi incrementale è rigorosamente “cucito” sul trend della Funzione Renale Residua (FRR). La CDDP è una scelta dialitica “bridge” di variabile durata che deve assicurare al paziente un buono stato metabolico ed una buona qualità di vita. I pochi recenti studi hanno dimostrato una minore mortalità rispetto alla dialisi trisettimanale ed un balance neutro del pool input/output fosforico conseguente al contributo della fosfaturia rispetto ai pazienti trisettimanali che perdono precocemente la FRR. Sono necessari ulteriori studi per confermare la sicurezza e la validità di questa scelta terapeutica.

Parole Chiave: Emodialisi Incrementale, Emodialisi Infrequente, dieta ipoproteica

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Share

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi